Cerca nel blog

mercoledì 30 novembre 2005

Educazione Ambientale: torna "Compatibilmente", a scuola di sviluppo sostenibile con COBAT e Legambiente

COMPATIBILmente:
UN PROGETTO EDUCATIVO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

"Compatibilmente" con una "pila" di impegni scolastici, vorremmo che i ragazzi ricaricassero le batterie e ci raccontassero cosa pensano di un argomento di fondamentale importanza come la salvaguardia dell'ambiente.

Da questa idea torna il progetto per gli studenti italiani lanciato dal Cobat(Consorzio Obbligatorio Batterie Esauste) in collaborazione con Legambiente: dall'esigenza di ascoltare pareri più freschi su quelle piccole-grandi cose che possono migliorare la vita di tutti i giorni, che si tratti del risparmio di risorse ed energia o del corretto recupero dei rifiuti pericolosi. Insomma, stiamo parlando di quello che oggi si definisce comunemente sviluppo sostenibile.
Il manuale "Compatibilmente" vuole fornire ad insegnanti e studenti strumenti e informazioni per promuovere una coscienza critica di concetti quali risparmio energetico, tutela ambientale.. insomma vengono affrontate tante tematiche e suggeriti percorsi formativi tutti con l'obiettivo di portare nella nostra vita quotidiana un concetto così grande - da sembrare a volte irraggiungibile - che è lo sviluppo sostenibile.

Ci sono tantissime cose che possiamo fare per migliorare la nostra vita, le nostre città, l'ambiente naturale..

Partendo dalla pila di Alessandro Volta ad oggi, nel manuale si può leggere come le batterie sianono uno degli strumenti spesso "nascosti" senza cui tante attività della vita moderna si fermano, basti pensare al walkman, al pc portatile e al telefono cellulare, ma soprattutto ai mezzi di trasporto come automobili, moto, camion, trattori, imbarcazioni, fino ai treni e ai sommergibili.

Viene quindi puntata l'attenzione sull'utilità della "corrente elettrica portatile", sulle politiche di risparmio energetico, sulle diverse fonti di energia, sulla necessità di sostituire i combustibili fossili con altre forme di energia.

Il nostro è uno dei Paesi europei che ha ottenuto i maggiori successi nella raccolta, nel trasporto e nel riciclo delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi, tutti materiali molto inquinanti.

Il sistema Cobat è dunque un esempio lampante di sviluppo sostenibile. La raccolta delle batterie esauste avviene nelle officine, negli ipermercati, nel porto, nelle stazioni ecologiche comunali o delle aziende di igiene urbana o dove si demoliscono le auto.

Infine, vengono suggerite alcune domande su cui riflettere. Quali sono secondo voi le buone pratiche ambientali? Come il comportamento individuale può aiutare a tenere pulito il territorio e a tutelare l'ambiente? Cosa può e cosa non deve mai fare il cittadino? Quali sono le iniziative che la tua scuola, il tuo Comune o la tua Regione possono intraprendere anche grazie al tuo aiuto o al tuo sostegno? Sia Cobat sia Legambiente promuovono molte campagne di sensibilizzazione ambientale, cosa ne pensi?


Ufficio Stampa COBAT

Andrea Pietrarota, Hill & Knowlton Gaia tel. 06441640327 cell. 3355640825
email pietrarotaa@hkgaia.com


Gli insegnanti possono richiedere gratuitamente una copia del manuale "Compatibilmente" inviando un fax al Cobat al n.: 06/42086985. oppure possono scaricare la copia elettronica (informato .pdf) cliccando qui.

Club del Marketing e della Comunicazione: elette la Donna Marketing, la Donna Comunicazione e la Donna Marketing & Comunication Manager dell'anno



Consegnate targhe, trofei e pergamene alle vincitrici dei Premi
del Club del Marketing e della Comunicazione


Eletta la “Donna Marketing”, la ”Donna Comunicazione”
e la “Donna Marketing & Communication Manager” dell’anno




Milano 30 novembre 2005

Gabriella Felicetti, responsabile comunicazione ATM, è stata insiginta del Premio ‘Donna Comunicazione 2005’. Maria Vittoria Ranzini, Brand manager Lancaster, è stata eletta ‘Donna Marketing 2005’.
Miriam Forte, titolare Tele Promotion Service, ha ricevuto il riconoscimento ‘Donna Marketing & Comunication Manager’ dell’anno.

E’ stato Danilo Arlenghi, Presidente del Club del Marketing e della Comunicazione, affiancato da Daniele Tirelli Presidente Popai, Riccardo Klinguely Direttore Commerciale del Gruppo Enterprice (Annuario Uomini e Donne della Comunicaziine) e Gianluca Marchi Direttore di Punto Com, a consegnare le tre ambite e prestigiose targhe alle vincitrici:

Come ad ogni evento del Club, anche questa volta, sono stati sovvertiti i canoni organizzativi tradizionali, per dar spazio all’innovazione e alla creatività: la spettacolarizzazione che normalmente chiude ogni evento, è stata invece momento di apertura proprio per stemperare l’alta tensione tra le possibili trionfatrici.

Provvidenziale l’intervento dell’eccentrico comico Chicco D’Oliva che ha favorito spontanee risate alla grande platea. Il noto sommellier di Guida al Campionato e Colorado Cafè, tra una gag e mille battute ha dato anche il là alla cerimonia.

Un premio significativo ed autorevole per il prestigio acquisito e per l’importanza rivestita, soprattutto perché espresso secondo le segnalazioni di 4775 della Mar-Com Community Italiana che ha votato più di 2500 donne differenti. 94 voti alla Donna Comunicazione e 72 alla Donna Marketing hanno consentito loro di raggiungere le prime posizioni.

La serata è proseguita con momenti di marketing relazionale a significare la mission del Club: Connecting Manager, ossia sviluppare rapporti interpersonali, generare contatti proattivi e allacciare relazioni durature per implementare il new business e il co-marketing, nonché la cultura e l’aggiornamento professionale. Perchè – come afferma Danilo Arlenghi: “ Agire è bene, interagire è meglio”.

Ufficio stampa Club del Marketing e della Comunicazione:
tel 02 2610052
E-mail: ufficiostampa@clubdelmarketingedellacomunicazione.com

Le nuove strade dei weblog



le nuove strade dei weblog

di Luisa Carrada

Da quando ne ho parlato per la prima volta su questo sito, esattamente un anno fa, i weblog - o blog, come ormai tutti li chiamano - ne hanno fatta di strada. Anzi, di strade ne hanno imboccate parecchie. Ancora non da noi in Italia, nonostante il gran parlare che se ne fa, ma negli Stati Uniti e in altri paesi europei sì.

Questo genere di self-publishing così rapido, personale, telegrafico, impressionista, terribilmente soggettivo, ha espugnato anche la roccaforte del mondo che sembrava il suo nemico e la sua antitesi, quello del giornalismo ufficiale e delle grandi testate.
Non per sostituirsi agli articoli di cronaca, ai commenti, ai reportage, ma piuttosto come il loro più utile completamento.

Non sono pochi i giornalisti della carta stampata che tengono anche una rubrica di weblog (uno per tutti: Dan Gillmore, famoso editorialista high-tech del San José Mercury News della Silicon Valley), e nemmeno le testate importanti che dedicano loro una sezione del sito (una per tutte: il britannico The Guardian). Una volta pubblicati gli articoli, nella versione cartacea e online, i lettori si scatenano, inviando commenti e osservazioni, proponendo magari una diversa angolazione dalla quale considerare un particolare tema. Un gran lavoro per il giornalista, che legge, filtra, risponde e pubblica in tempo reale sul suo weblog, ma anche una fonte preziosa di ulteriori dati, materiali, notizie, verifiche.

La "posta dei lettori" alimenta così continuamente il giornale, lo arricchisce di nuove prospettive e nuove voci. Il giornale online non è più la copia in bit della versione cartacea, ma fa proprie le caratteristiche più genuine di Internet, l'interattività e il confronto tra idee e persone.
D'altra parte, gli autori del Cluetrain Manifesto lo avevano detto e scritto già due anni fa nella prima delle loro 95 tesi: "i mercati sono conversazioni".

C'è invece chi ha unito le proprie forze e le proprie competenze in un weblog di gruppo. Se poi questo weblog è fortemente specializzato in un tema di nicchia, il risultato è da fuoriclasse: una fonte documentatissima e inesauribile di notizie, link e opinioni a livello globale.

E' il caso di E-media Tidbits, la migliore *risorsa* (mai l'orribile anglicismo fu più pertinente) sui contenuti e la scrittura online. Coordinati da Steve Outing, un gruppo di giornalisti e professionisti di diversi paesi (ci sono anche una tedesca e un'italiana che lavora a Londra) pubblicano ogni giorno le loro scoperte sul web, le loro letture e soprattutto le loro opinioni (spesso a confronto). Chi riceve tutte le mattine il digest nella propria casella di posta, può star sicuro di non perdere niente di ciò che succede nel mondo del giornalismo online e del content publishing.

Il weblog è il genere per eccellenza dei saperi di nicchia. Provate a leggere Whatever del business writer John Scalzi o i bloug dell'architetto dell'informazione Louis Rosenfeld. Il bello è che quando scrivono il loro weblog, anche studiosi seri come questi passano a uno stile più personale, più caldo e informale, mescolando letture, opinioni e consigli con mille particolari della loro quotidianità.

In Italia il weblog non viene ancora minimamente considerato dai giornali come uno strumento utile o almeno complementare a quelli più tradizionali. Ma ci arriveranno anche loro; d'altra parte ci sono voluti anni perché si accorgessero dell'utilità delle newsletter inviate per e-mail, presentateci ultimamente dai grandi quotidiani e settimanali come la novità delle novità.

Il weblog da noi sta piuttosto dilagando tra i giovani come la versione più moderna del diario e rimpiazzando, spesso con esiti molto migliori, la home page personale. Ma chi pensa a questi journaux intimes del duemila soltanto come a meri contenitori di debordante emotività, si sbaglia.

Ci sono anche dei bellissimi esperimenti di quella scrittura sintetica e concentrata costruita sui ritmi che la velocità del mezzo e della pubblicazione impongono. Ci sono dentro i rapporti umani, le letture, la musica, la politica.
"Questa sono io, senza filtri, senza inibizioni, come tutti voi mi conoscete" afferma la misteriosa La Pizia in apertura del suo weblog. Si entra con un leggero imbarazzo e in punta di piedi in questo spazio così personale e dai testi brevi ed intensi, che oscillano tra prosa e poesia ("ah, che lingua il portoghese ... un velluto di un rosso intenso che scivola via da un fianco").

Provate a leggere anche i lunghi e documentatissimi, ma mai noiosi, weblog di Leonardo, oppure quelli sintetici e telegrafici di due giovani ma consumati web designer come Frederic Argazzi e il "blogorroico" Antonio Cavedoni. Nonostante la frammentarietà, sono vere autobiografie quotidiane, squarci di vita rappresentati e restituiti attraverso la disciplina della scrittura.


Se sei redattore o editor in un'azienda, se scrivi testi per il web, se il tuo lavoro è fatto anche di scrittura, sull'ottimo sito di Luisa Carrada: www.mestierediscrivere.com trovi articoli, consigli pratici e tanti link per scrivere e comunicare meglio.

Roma. 3.000 anni di storia in 365 giorni

Ecco “ROMAGENDA”: un’agenda-libro, un omaggio alla Città eterna, un invito a viaggiare nel tempo. “ROMAGENDA” segna l’esordio dell’Agenzia il SegnaLibro come casa editrice.

"ROMAGENDA" sarà presentata venerdì 9 dicembre alle ore 12 a "Più libri più liberi" (Palazzo dei Congressi, Roma EUR, Sala Montale).

Interverranno: Bruno Fontana (Dir. Editoriale Agenzia il SegnaLibro), gli autori Valerio Varriale e Alberto Tagliaferri (Ass. Mirabilia Urbis), l’editore Vittorio Avanzini (Newton&Comton) e Enrico Iacometti (Amm. Delegato Armando editore e Vice presidente Associazione Piccoli Edioti AIE)

Nell’alveo di una delle principali manifestazioni librarie nazionali, L’Agenzia il SegnaLibro fa il suo esordio come casa editrice con un originale omaggio alla storia millenaria dell’Urbe, realizzato in collaborazione con l’Associazione Mirabilia Urbis, sotto il Patrocinio dell’Istituzione Biblioteche di Roma.

“ROMAGENDA” è allo stesso tempo un’agenda e un libro da leggere e sfogliare, uno strumento utile negli impegni quotidiani e un oggetto prezioso da conservare. Ma è anche l’occasione per un “viaggio nel tempo”, sulla scia delle suggestioni e delle emozioni.
I planning settimanali infatti si alternano a pagine sulla Storia - e le storie - di Roma e a schede di approfondimento su usanze, arti e personaggi, arricchite da riproduzioni di stampe e incisioni d’epoca.


Dal Foro Romano al Campidoglio nell’età comunale, dalla Roma di Giulio II a quella di Caravaggio, fino alla Roma umbertina e, in ultimo, a quella contemporanea, le immagini e i testi di “ROMAGENDA” accompagnano il lettore in un viaggio attraverso i mutamenti della città. Basta lasciarsi trascinare dall’immaginazione e tornare indietro nel tempo alla ricerca di qualcosa che non è nelle guide turistiche, per vedere i luoghi noti con occhi diversi e riviverne episodi, aneddoti, tradizioni e leggende, giorno dopo giorno.

E se il “viaggio dell’immaginazione” diviene spunto per una piacevole passeggiata, “ROMAGENDA” offre ai lettori biglietti omaggio per le visite guidate in compagnia dell’Associazione Mirabilia Urbis.

A “ROMAGENDA” è legata la mostraA passeggio per la Roma dei Papi”, allestita al primo piano del Palazzo dei Congressi, che sarà possibile visitare gratuitamente durante tutto il periodo della Fiera (8-11 dicembre).


La mostra ripropone uno dei tanti percorsi storico-artistici presenti nelle schede tematiche del libro-agenda, quello dedicato al Seicento barocco, attraverso immagini e riproduzioni di incisioni d’epoca che rappresentano luoghi, opere d’arte e monumenti importanti della Roma del Bernini e del Borromini. A partire da queste il visitatore sarà invitato, anche attraverso la presenza di esperti dell’Associazione Mirabilia Urbis, a compiere un viaggio immaginario e suggestivo nella Capitale dei Papi e a cogliere le differenze tra la Roma di ieri e quella di oggi.


Per informazioni e prenotazioni:
Agenzia il SegnaLibro srl
ufficiostampa@ilsegnalibro.it
tel/fax: 06 35400912
www.ilsegnalibro.it

PowerDog bevanda energetica per cani al gusto gelato.



Ecco a voi “PowerDog”, la prima bevanda energetica per cani al gusto gelato!



Serravalle a Po, 30 Novembre 2005

Energia da bere, per il miglior amico dell'uomo.

PowerDog è la prima bevanda fisiologico - funzionale formulata espressamente per il cane. Formulata da esperti nutrizionisti specializzati nell’alimentazione dei piccoli animali, è indicata in tutti i casi di intensa attività fisica, recupero, convalescenza, post-intervento, stress, disidratazione, scarso appetito.

Con un piccolo e semplice gesto quotidiano, da oggi è possibile fornire al cane una bevanda completa ed equilibrata per mantenerlo giorno dopo giorno in piena forma.

PowerDog è un sicuro aiuto nel prevenire stati carenziali e dismetabolismi, incrementa inoltre l’attenzione e la vitalità grazie alle proprietà delle sostanze utilizzate.

La facile forma di somministrazione, permette di assimilare in modo rapido, efficace e sicuro, tutte le vitamine, gli elettroliti, e le sostanze energetiche per un pronto uso.

Nato dalla ricerca Nutripet, PowerDog è un vero e proprio sostituto dell’acqua, molto appetibile ed aromatizzato al gusto gelato, PowerDog è l’ultima novità nel comparto Pet Food Può essere assunto puro o diluito in acqua, secondo necessità.

Da oggi anche Fido ha la sua bevanda energetica studiata specificatamente per le sue necessità.Grazie all’elevata biodisponibilità degli elementi, consente una rapida reidratazione ed un pressoché immediato utilizzo delle fonti energetiche.

PowerDog per ora è commercializzato solo in Italia, dal 2006 è già in previsione la distribuzione anche all'estero.

Federica Carrara
Ufficio Stampa Nutripet, Bevande per Cani & Gatti
Sede legale:
Via Deportati Cisalpini, 5
46025 Poggio Rusco (MN)

Uffici e magazzino:
Via Caselle, 5
46030 – Serravalle a Po (MN)
Tel. +39 0386.841003
Fax. +39 0386.841114
www.nutripet.it
info@nutripet.it

Serendipità: istruzioni per l'uso

L'Agenzia il SegnaLibro e Massimo Mongai presentano, nel corso di “Più libri più liberi” – 4a Fiera della piccola e media editoria, la conferenza dal titolo

SERENDIPITA': ISTRUZIONI PER L’USO
Ovvero: come cercare l’ago nel pagliaio e trovare la figlia del contadino
________________________________
8 dicembre 2005 - ore 17, Sala Morante
Palazzo dei Congressi di Roma EUR


Serendipità è una parola relativamente nuova nella lingua italiana, ma è un concetto antico e definito da Horace Walpole più di 250 anni fa. Serendipità vuol dire molte cose o, meglio, ne esistono molte definizioni, più o meno tutte simili. Semplificando, si può dire che per Serendipità s’intende quel “processo che porta a fare scoperte inattese e felici, mentre si cercava, si pensava o si sperimentava altro e in tutt’altre direzioni”. Ovvero, come suggeriva il biomedico americano James H. Comro, “la Serendipità è cercare un ago in un pagliaio e trovarci la figlia del contadino”.
Serendipità è anche la capacità di cogliere al volo i frutti del caso e della fortuna, con sagacia e apertura mentale. Serendipità è quindi un atteggiamento, e come tale può essere praticata consapevolmente.

Finalità della conferenza è chiarire e ricostruire la storia della parola Serendipità, nel vocabolario inglese e nella lingua italiana, i suoi ferimenti culturali più noti e diffusi (da Cristoforo Armeno a Walpole, Voltaire e Eco), le sue relazioni con la ricerca scientifica, la creatività, il sapere. Per fornire istruzioni sull’uso della parola e del fenomeno, ma soprattutto per definire il metodo-non metodo di ricerca “per serendipità” dalle sorprendenti applicazioni non solo nella scienza, ma anche nell’arte, nella politica, e nella vita quotidiana.

Con l’incontro del 8 dicembre si chiude il cerchio su un anno di approfondimenti e interventi pubblicati sulla rivista “Il Laboratorio del SegnaLibro”, avviato l'11 dicembre 2004 con la conferenza introduttiva dal titolo “Serendipità: finché non la conosci pensi sia solo fortuna”.

Questa seconda conferenza sarà anche l’occasione per raccontare gli esiti del primo esperimento “scientifico” mai effettuato prima per creare una situazione di Serendipità, condotto dallo stesso Massimo Mongai.


Per informazioni e prenotazioni:
Agenzia il SegnaLibro srl
ufficiostampa@ilsegnalibro.it
tel/fax: 06 35400912
www.ilsgenalibro.it

Il nuovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: opportunità e contenuti

Il nuovo Accordo Quadro ANCI-CONAI
Opportunità e contenuti

Le opportunità
Il 14 dicembre 2004 è stato sottoscritto il nuovo Accordo Quadro ANCI (associazione Nazionale Comuni d'Italia) e CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi). L’Accordo offre l’opportunità ai Comuni di una maggiore qualificazione del proprio territorio, attraverso una gestione efficace ed efficiente del servizio di raccolta differenziata, e riconosce ancora una volta il ruolo determinante del sistema delle imprese, rappresentate da CONAI, a garanzia dell’avvio a recupero e riciclo dei materiali di imballaggio, così da poter raggiungere gli obiettivi indicati dalla nuova Direttiva Europea sui rifiuti di imballaggio al 2008.

Con la collaborazione del sistema CONAI-Consorzi, in 5 anni (1999-2003) la raccolta differenziata urbana è aumentata in Italia del 115% e le convenzioni fra i Consorzi di filiera ed i Comuni coprono ormai il 75% della popolazione nazionale, con punte del 95% per alcuni materiali.

La firma del nuovo Accordo ha creato le condizioni per il miglioramento qualitativo e quantitativo della raccolta differenziata urbana dei rifiuti di imballaggio su tutto il territorio nazionale, anche al fine di conseguire l’obiettivo del 35% di raccolta differenziata, previsto dal Decreto Legislativo 22/97.

Le novità introdotte dal nuovo accordo

Rispetto al precedente accordo, sono presenti alcune importanti novità, che rendono possibile una collaborazione tra Conai e i Comuni più ricca ed articolata:

• L’incremento dei corrispettivi che CONAI / Consorzi di filiera riconosceranno ai Comuni per il conferimento dei materiali provenienti da raccolta differenziata. L’aumento dei corrispettivi rispetto all’Accordo precedente, scaduto nel 2003, sarà tanto più significativo quanto migliore risulterà la qualità dei materiali raccolti e ciò nel condiviso obiettivo di incentivare i modelli più efficienti ed efficaci di raccolta differenziata e di migliorare la qualità dei materiali raccolti.

• Un nuovo slancio alla realizzazione di campagne di comunicazione, informazione ed educazione per accrescere la sensibilizzazione ed orientare i comportamenti dei cittadini verso la prevenzione della produzione dei rifiuti, la raccolta differenziata e il recupero degli imballaggi. Nell’Accordo si prevede che il sistema CONAI/Consorzi di Filiera destini, per le campagne di comunicazione locali, il 35% del proprio budget complessivo di comunicazione.

• La promozione di Accordi volontari con le Pubbliche Amministrazioni, soggetti gestori e operatori economici al fine di incentivare la prevenzione quantitativa e la produzione di imballaggi eco-compatibili.

• Nuove condizioni per la raccolta differenziata e avvio a riciclo delle frazioni merceologiche similari. I Comuni possono, dove risulti funzionale ed economica la raccolta differenziata promiscua di rifiuti di imballaggio ed altre frazioni merceologiche similari, conferire anche al sistema CONAI/Consorzi di Filiera le frazioni similari, per le quali sarà comunque riconosciuto un valore economico positivo.

• L’impegno, assunto dal CONAI, di ritirare ed avviare a riciclo tutti i materiali provenienti dalla raccolta differenziata che verranno consegnati al Consorzio anche al di là degli obiettivi minimi stabiliti dalla nuova Direttiva Europea.

• L’incentivazione dello sviluppo della raccolta differenziata nelle aree “disagiate”. Particolari condizioni economico-gestionali sono previste con l’obiettivo di favorire lo sviluppo della raccolta differenziata e l’avvio a recupero dei rifiuti di imballaggio nelle aree del Paese particolarmente svantaggiate (vaste zone con piccole comunità, soprattutto montane, isole minori, ecc.).

• La condivisione della necessità di dare una regolamentazione uniforme a livello nazionale all’assimilazione delle superfici private salvaguardando la libertà di scelta degli operatori e premiando i comportamenti virtuosi.
• La promozione della produzione di manufatti con materiali riciclati e la diffusione, soprattutto nella Pubblica Amministrazione, degli acquisti verdi.

CONAI e i Consorzi di filiera si faranno promotori dei contenuti del nuovo accordo attraverso un piano di comunicazione e formazione a livello locale, con interventi che toccheranno Regioni, Province e Comuni, rivolti ai responsabili dell’ambiente e ai gestori dei servizi di raccolta differenziata pubblici e privati.

Per ulteriori informazioni
Cohn & Wolfe – Valeria Vitali, Silvia Minoggio
Tel. 02 202391
valeria_vitali@cohnwolfe.com; silvia_minoggio@cohnwolfe.com

martedì 29 novembre 2005

Istituto Superiore del Marketing: al via i master con offerta



Master a 990 €!

ISM Business School
Una vera scuola di carriera.

Così l'abbiamo voluta e creata, con ormai una storia di 6 anni di successi e persone impiegate in multinazionali di grande prestigio, come DaimlerChrysler, Procter&Gamble, Accenture, Toyota Motor, PriceWaterhouseCoopers, Pfizer, Despar, etc.

L’ISM in sei anni di successi con privati ed imprese ha confermato la sua rispondenza al mercato professionale con opportunità per i suoi studenti e le aziende clienti.

In particolare quest'anno l'ISM ha potuto, grazie alle preferenze accordategli, sviluppare una formula promozionale tesa a permettere alle persone più decise di guadagnare punti e skill di carriera partecipando ai suoi Master.

Nasce: Catch it!
Una promozione unica per premiare la decisione e supportare economicamente i corsisti. Naturalmente il periodo della promozione è limitato ad un mese ed a soli 100 posti in totale per favorire la competitività e la qualità dei corsisti!
Fai domanda ORA per partecipare alla selezione e assicurarti uno dei 100 posti disponibili in uno o più dei seguenti Master attivati per l’Anno Accademico 2005-2006:

• Master in Marketing e Comunicazione
• Master in Comunicazione d'impresa e Relazioni Pubbliche
• Master in Human Resources Development
• Master di Formazione Formatori Aziendali
• Master in Marketing dei New Medi@


Il catalogo con le schede dei Master dell’Istituto Superiore del Marketing è disponibile sul sito all’indirizzo www.istimar.it e la segreteria corsi è raggiungibile tutti i giorni in orario d’ufficio al numero 06.39.38.60.01

Per fare domanda e partecipare alla selezione invia SUBITO, non oltre il 23 dicembre 2005, il tuo CV aggiornato citando il codice FM per posta a:

ISM - Business School, Via Gregorio VII 126 – 00165 Roma

o via email all’indirizzo infomaster@istimar.it

oppure via fax allo 06-39.38.86.87, specificando quali Master vuoi frequentare per almeno uno dei posti disponibili a soli 990€* e lanciarsi nell’esperienza ISM con un tuffo nella professionalità più avanzata.

L'importo della quota di iscrizione Catch IT è da considerarsi al netto di IVA.

KIMARTE, Mostra Mercato Artigianale l'8 dicembre in Campo de' Fiori (Rm)


L’ ASSOCIAZIONE KIM ONLUS vi aspetta alla VI edizione di

KIMARTE, Mostra Mercato Artigianale


Giovedì 8 dicembre 2005
in Campo de’ Fiori
dalle ore 10.00 alle 20.00

Nei nostri stand gialli e blu potrete trovare mille idee per i regali di Natale e per rendere la vostra casa più bella ed accogliente

Per i visitatori più piccoli gran divertimento con “Il Truccabimbi”


La Mostra Mercato è finalizzata alla raccolta di fondi per sostenere i progetti di intervento a favore dei bambini malati che l’Associazione ospita per le cure mediche nel centro di accoglienza “Casa di Kim”.
www.associazionekim.it

lunedì 28 novembre 2005

Ferite animali guarite con le cure verdi dell'ENEA



Il 1 dicembre 2005 alle ore 10.00, presso il Centro Ricerche ENEA della Casaccia (Via Anguillarese 301 – S. Maria di Galeria - Roma) nella Sala Conferenze (Ed. F83) si terrà il seminario “Composizione fitoterapica per la cura delle lesioni esterne”per presentare i risultati della sperimentazione clinica condotta su diverse specie animali curate con un preparato a base di estratti di piante con proprietà curative (Brevetto ENEA).

Verranno presentati casi clinici di applicazione sugli animali del composto che ha dimostrato proprietà cicatrizzanti, antinfiammatorie, antibatteriche, antidisidratative e lenitive per il trattamento di lesioni esterne di diversa estensione e natura.

Si pensa di estendere al più presto la sperimentazione anche all’uomo.

Dott.ssa Elisabetta Pasta
Responsabile Ufficio Stampa e Rapporti con i Media
Funzione Centrale Relazioni Esterne
ENEA
Lungotevere Thaon di Revel, 76
00196 Roma

TEL.06/36272806 - 36272945
FAX 06/36272778 - 36272286
E-MAIL: uffstampa@sede.enea.it

TelePa: è on line il nuovo portale-tv della Pubblica Amministrazione



E' stata lanciata all'inizio di novembre la nuova versione on line del portale di TelePA, www.telepa.it , la TV della PA, nata nel 2002 per iniziativa del Dipartimento della Funzione Pubblica e realizzata, per conto del Formez, dalla società partecipata Euform.it.

Oltre ad una nuova veste grafica cambia il concetto alla base del prodotto, sempre più televisivo: i contenuti sono organizzati secondo una rinnovata struttura logica che consente di recuperare in modo veloce argomenti correlati a quello che si sta consultando.

Nuova anche l' organizzazione degli archivi suddivisi per tipo di contenuto e per canale, in modo che a seconda del tipo di ricerca effettuata il risultato sia più efficace con le esigenze dell'utente.

Con il nuovo sito è possibile visualizzare i singoli servizi che compongono il telegiornale quotidiano. Un nuovo sistema di newsletter punta a consolidare la community già esistente, informando gli utenti registrati sul palinsesto quotidiano e sui contenuti relativi agli interessi segnalati in fase di iscrizione.

Il Tg di TelePA propone quotidianamente notizie e aggiornamenti sul mondo della PA centrale e locale, servizi di approfondimento, inchieste e analisi sui temi istituzionali di maggiore attualità.

I principali argomenti sono quelli dell'innovazione tecnologica, dei servizi al cittadino e alle imprese, dell'organizzazione amministrativa e della formazione.

Il passo successivo, a breve termine, sarà quello di sperimentare per il Tg di TelePA una maggiore interattività per rendere sempre più forte il legame con il nostro pubblico di riferimento”, annuncia Giacomo Troja , il Presidente di Euform.it, società specializzata in progetti di formazione e comunicazione digitale.

Soddisfatto Emanuele Laurenzi, direttore responsabile di TelePA: “TelePA è un'iniziativa relativamente recente, ma che in soli tre anni è riuscita ad accreditarsi come strumento di informazione efficace e competente, sia per il mondo degli specialisti della PA, sia per i comuni cittadini che interagiscono quotidianamente con l'amministrazione pubblica. Oggi, con il restyling del nostro sito, intendiamo proseguire e migliorare nell'idea editoriale che è stata il nostro piccolo successo: informazione di servizio innanzitutto, linguaggio sburocratizzato, ma puntuale, approfondimento delle notizie ed inchiesta sui temi più vicini alla vita dei cittadini”.

Il lavoro di riprogettazione e di sviluppo del concept grafico del sito è stato eseguito dalla società Hub.

Per contatti:
Andrea Bagnolini, Resp. Immagine e Comunicazione di Telepa
Tel 06 8550 8631 - 335 6795 283 Fax 06 8550 8621
mailto: andrea.bagnolini@euform.it
www.telepa.it

Accordo COBAT – Provincia di Rieti per il recupero delle batterie esauste

ACCORDO DI PROGRAMMA COBAT – PROVINCIA DI RIETI
PER LA RACCOLTA ED IL RICICLO DELLE BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE

7 dicembre 2005 ore 10.30
Palazzo della Provincia di Rieti Sala Consigliare
Via Salaria, 3 - 02100 Rieti




La raccolta delle batterie al piombo esauste rappresenta un caso di eccellenza italiana in campo ambientale.
Nel 2004, con oltre 16 milioni di batterie esauste recuperate, il Cobat, Consorzio istituito dal Parlamento Italiano per occuparsi del recupero di batterie al piombo esauste e rifiuti piombosi, ha raccolto e avviato al riciclo circa 200.000 tonnellate di accumulatori esausti, ed è giunto ad un tasso di raccolta sulle batterie d’avviamento prossimo alla totalità sull’immesso al consumo.

Le batterie al piombo a fine vita utile, vengono così completamente riciclate e le loro componenti, piombo, plastica e acido solforico, rese disponibili per un nuovo impiego.

Per l’Italia questo contributo alla salvaguardia ambientale si traduce anche in un vantaggio per la bilancia dei pagamenti: ogni anno quasi 80 milioni di euro vengono risparmiati sull’importazione di piombo.

In questo settore, il nostro Paese ha quindi conseguito un modello quasi perfetto di sviluppo sostenibile, ma per raggiungere l’obiettivo del 100% della raccolta anche in ambito urbano, il Cobat da anni persegue la strada degli Accordi con le Province, infatti, nel gennaio 2004 ha sottoscritto L’accordo di Programma Nazionale con l’UPI – Unione delle Province d’Italia - per promuovere un’attività di informazione e coordinamento dei Comuni che favorisca la corretta raccolta delle batterie esauste.

Con questa intesa la Provincia di Rieti si distingue come una delle prime Province d’Italia più sensibili e attive.


Programma:
  • Fabio Melilli Presidente della Provincia di Rieti
  • Giancarlo Morandi Presidente Cobat, Consorzio Obbligatorio Batterie Esauste
  • Giacomo Marchioni Assessore all’Ambiente e alla Tutela del Territorio della Provincia di Rieti
  • Moderatore Fabrizio Miluzzo Capo Segreteria Presidenza della Provincia di Rieti

La presentazione si concluderà con un rinfresco.


Pregasi voler confermare la propria partecipazione.

Riferimenti:

Ufficio Stampa Cobat:
Hill & Knowlton Gaia, Andrea Pietrarota – Alessia Calvanese 06.441640327/8 335.5640825
email pietrarotaa@hkgaia.com

Ufficio stampa Provincia di Rieti
Ottorino Pasquetti 0746.286238 335.7025176 ufficio.stampa@provincia.rieti.it

Il mito del corpo perfetto

Mercoledì 16 novembre 2005 è stata inaugurata, a Roma, presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, la seconda edizione del Master “Donna, cultura e società”, organizzato dall’Istituto di Studi Superiori sulla Donna.

L’incontro è stato aperto dal saluto introduttivo della direttrice del Master, Cristina Zucconi Galli Fonseca, Presidente dell’Istituto di Studi Superiori sulla Donna, che ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa, per riscoprire l’attualità dei valori femminili nel mondo di oggi.

Nella prima giornata sono intervenute Vincenza Mele, Ricercatrice dell’Istituto di Bioetica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sul tema “La cura di sé: valutazioni etiche”, e Carolina Carriero, Docente Invitata presso la Pontificia Università Lateranense, che ha parlato dell’identità femminile dal punto di vista antropologico.

“La nostra cultura – ha spiegato Vincenza Mele – è permeata da miti che sostanziano il culto del corpo: il mito di una perfetta forma fisica, attraverso le immagini medianiche di corpi patinati e di uomini e donne ‘eternamente’ giovani e prestanti, e il mito dell’onnipotenza della medicina, secondo il quale ogni desiderio di benessere estetico-sociale deve essere accolto e realizzato.
La cura maniacale del corpo nasconde un vuoto di significato: il corpo si ritiene sostanzialmente ‘indegno’ di considerazione se non ‘a condizione’ di presentarsi in un ‘certo modo’ dal punto di vista dell’aspetto fisico.
Questo vuoto di senso, che paradossalmente si rende evidente nel tessuto culturale e sociale con una sorta di fissazione edonistica sul corpo, colpisce più il soggetto femminile di quello maschile, perché la donna ha un rapporto privilegiato con il ‘corpo’ ed è in qualche modo tenuta a rivolgere un’attenzione privilegiata ad esso.
Spetta, quindi, in modo del tutto speciale alla donna recuperare il significato del corpo, come espressione della cura di sé”.

Secondo Vincenza Mele “prendersi cura del proprio corpo, per ogni donna, non deve significare omologarsi a modelli che spesso appaiono surreali, quanto piuttosto cercare una forma di bellezza e salute che sia unicamente sua, speciale, irripetibile e non omologabile. Prendersi cura di sé non vuol dire rimuovere la consapevolezza della fragilità o dell’inevitabile deterioramento fisico del corpo, ricorrendo ad esempio al lifiting per cancellare i segni dell’età, ma, come dice Hillman, avere il coraggio di rimanere fedeli alla faccia dell’età, dove la psiche coerente diventa un’immagine”.

Carolina Carriero, Docente Invitata presso la Pontificia Università Lateranense, ha spiegato nel suo intervento al Master “Donna, cultura e società” dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum che “l'identità femminile, in prospettiva antropologica, è stata studiata a partire dal paradigma euristico della corporeità nella duplice valenza di apprezzamento del limite e di prospettiva escatologica. La riflessione femminile sull'esperienza della maternità, nel mondo greco come in quello cristiano, ha infatti ribaltato il disprezzo orfico del corpo in un ri-conoscimento del suo valore entro la gratitudine per la nascita. La corporeità del logos inaugura pertanto un pensiero che si dà pensiero per la vita, contro la crisi della filosofia contemporanea”.

Le iscrizioni al Master sono aperte fino al 30 novembre.

Per informazioni:
è possibile inviare una email: issdonna@upra.org.

Il Master Donna, Cultura e Società è stato organizzato sia dall'Università Europea di Roma, che dall'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, per cui sono previsti diversi requisiti di ammissione:

Per ogni altra informazione:

Nuova Borsa internazionale dei rifiuti





NUOVA BORSA INTERNAZIONALE DEI RIFIUTI

È on-line all’indirizzo www.borsarifiuti.com la nuova versione della Borsarifiuti GARWER, borsa internazionale dei rifiuti recuperabili e dei materiali derivanti da processi di recupero. Il sistema rappresenta senza dubbio il più avanzato e innovativo sistema di borsa telematica dei rifiuti presente in Europa, coniugando semplicità e immediatezza d'uso con una complessa architettura software. La versione internazionale (in lingua inglese) è disponibile all’indirizzo www.wastexchange.co.uk.

Cos’è e a cosa serve?

Borsarifiuti GARWER un potente strumento operativo disponibile via internet per la soluzione di problematiche relative alla gestione e all’approvvigionamento di rifiuti e di materiali derivanti da processi di recupero. Permette l’incontro tra operatori del settore produttivo e del settore rifiuti attraverso il meccanismo della domanda e dell’offerta. Rappresenta una grande opportunità per tutte quelle imprese che intendono individuare:

Per i produttori/detentori
  • soluzioni alternative alla discarica per i propri rifiuti;
  • nuovi sbocchi di mercato per rifiuti recuperabili e materiali derivanti da processi di recupero dei rifiuti;
  • nuovi sbocchi di mercato per lo smaltimento di rifiuti non riciclabili;
Per i riciclatori
  • nuovi fornitori di rifiuti recuperabili da avviare a processi di trattamento/recupero;
  • nuovi fornitori di materiali derivanti da processi di recupero, da utilizzare in sostituzione di materie prime vergini all’interno dell’industria di processo;
Chi può registrarsi?
  • Aziende produttrici di rifiuti o che riutilizzano rifiuti o materiali recuperabili nel loro ciclo di produzione;
  • Aziende che svolgono attività di gestione rifiuti (smaltimento, recupero, trasporto);
  • Intermediari e commercianti di rifiuti;
  • Comuni o loro Consorzi o altri enti pubblici produttori di rifiuti.
Quali sono i materiali scambiati sulla borsa?

Borsarifiuti.com organizza le diverse tipologie di materiali/rifiuti all'interno di oltre 230 categorie e sottocategorie merceologiche per una rapida consultazione da parte degli utenti.

Sono oggetto di negoziazione i seguenti materiali:
  • Rifiuti, così come definiti dal D.Lgs. 22/97;
  • Rifiuti recuperabili, ivi compresi quelli definiti dal D.M. 5/2/98;
  • Materie prime, prodotti o materie prime seconde derivanti da operazioni di recupero;
  • Beni a fine vita;
  • Fondi di magazzino, merce invenduta;
  • Macchinari e attrezzature usati;
  • Prodotti realizzati da materiali di recupero.
Cosa devo fare per registrarmi?
Nella Home page del sito è presente un collegamento "Nuovo utente? Registrati" alla pagina di registrazione.
La procedura di registrazione si articola in Step successivi nei quali vengono richiesti una serie di dati relativi all'azienda e alla persona incaricata che opererà all'interno della borsa per conto dell'azienda.
In particolare l'utente può scegliere se registrarsi in modalità “base” o in modalità “avanzata”. Quest'ultima richiede il pagamento di un abbonamento che potrà essere effettuato on-line, con carta di credito o mediante bonifico bancario.
La registrazione “avanzata” consente all'utente di utilizzare a pieno le potenzialità del sistema e di usufruire di una serie di servizi aggiuntivi.
La password di accesso, unitamente allo Userid scelto dall'utente, viene spedita in automatico dal sistema all'indirizzo di posta elettronica indicato nel primo Step.

Userid e Password sono necessari per portare a termine la procedura di registrazione, per operare all'interno del sito e, nel caso venga richiesto, per l'autenticazione al servizio Web mail GARWER. N.B.: Per registrarsi è necessario accettare il Regolamento di Borsa e fornire il proprio consenso al trattamento dei dati personali, secondo quanto indicato nell’Informativa sulla Privacy.

Che vantaggi ho se mi registro?
La registrazione è indispensabile per poter operare all'interno del sito (inserire annunci, rispondere ad annunci, inviare messaggi, collegarsi alla propria area My GARWER). Gli utenti non registrati possono esclusivamente consultare la banca dati degli annunci, divisa tra annunci di offerta e annunci di richiesta.
Che vantaggi ho se pago l’abbonamento?
La principale limitazione imposta agli utenti che hanno scelto la modalità di “registrazione base” consiste nell'impossibilità di entrare in contatto con altri utenti accreditati con la stessa modalità. In pratica, due utenti con “registrazione base” non potranno mai incontrarsi sulla borsa.
Il servizio Tradealert, l’archivio annunci e la possibilità di inserire immagini negli annunci sono funzionalità riservate agli utenti “avanzati”.
GARWER ha attivato inoltre una serie di convenzioni che consentono agli abbonati annuali di usufruire di sconti commerciali per l'acquisto di una vasta gamma di prodotti e servizi (prodotti editoriali, corsi di formazione, servizi di aggiornamento normativo, software per la gestione dei rifiuti etc…).

I patrocini costituiscono un importante riconoscimento istituzionale per la nostra società e per il suo impegno a favore dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile.
Clicca qui per visualizzare gli enti che hanno concesso il loro patrocinio al progetto.

GARWER ha siglato importanti convenzioni con prestigiose associazioni imprenditoriali per mettere a disposizione il nuovo servizio agli associati a condizioni agevolate.
Clicca qui per visualizzare le convenzionato in atto.

I Nostri Partner sono aziende, associazioni ed enti di ricerca; in collaborazione con GARWER forniscono servizi qualificati alle imprese che rendono GARWER un punto di riferimento certo per la soluzione di problematiche connesse con la gestione dei rifiuti e dell’ambiente nel suo complesso.
Clicca qui per visualizzare i nostri partner.

Per contatti e ulteriori informazioni:

Ing. Paolo Azzurro
GARWER srl
Via Fanin 48, 40127 Bologna
Tel. 051.4200322
Fax. 051.4200323
web: http://www.borsarifiuti.com
email: paolo.azzurro@borsarifiuti.com

Ven. 2 Dic. serata al "Centrale" con la partecipazione di tanti VIP

Ciao a tutti gli operatori della comunicazione!

Continuano le feste di successo organizzate da 'EVENTually' (PR, comunicazione, eventi) nel bellissimo locale del centro storico, il "Centrale" Ristotheatre (via Celsa, p.zza del Gesù)
'A ciascuno la sua serata', verrebbe da intitolare questi appuntamenti del venerdi visto che, tra quanto proposto, c'è solo l'imbarazzo della scelta: puoi venire ed (andare via ) presto - la cena a buffet offerta dalla organizzazione nel Foyer del locale la serviamo a partire dalle 21.00, accompagnata da un'atmosfera tranquilla che ti permette di chiacchierare e rilassarti con la musica luonge di sottofondo e l'intrattenimento piano bar - oppure puoi prenotare un tavolo per il dinner-show della Sala del Palcoscenico, uno spettacolo contenitore all'americana fatto di numeri di musica, cabaret, balletto e magia che coinvolgono spesso anche il pubblico presente.

La cucina è di impronta toscana e il costo è di € 35-40 c.a a persona.
Oppure puoi unirti a noi più tardi, verso le 23.30, giusto in tempo per l'inizio della discoteca con musica dal vivo (abbiamo sempre dei gruppi eccezionali!) e, poi, DJ (revival e non solo) che va avanti fino a tarda notte, e magari prenotare un tavolo nel privè della ex-galleria.
Ven. 2 dic., inoltre, ci sarà la RAI ad animare un pò la serata ma niente anticipazioni... è ancora tutto in fase di definizione!

Vedrete..vedrete

Un saluto da 'EVENtually'

Per info, lista ingresso e prenotazione tavoli: 349.2219645

ps Ah, si entra solo su invito!!!

E-mail Power, il primo evento sulla comunicazione via mail

E-mail Power
PALAZZO TURATI
Via Meravigli 9/b
Milano
13 dicembre 2005

Email Power è un nuovo evento dedicato al mondo della comunicazione via email: dalle campagne di email marketing alle newsletter, dalla raccolta degli indirizzi al loro acquisto, dalle sponsorizzazioni mirate settore alla creazione di comunità virtuali.

È un'occasione d'incontro fra domanda e offerta dove parlare degli aspetti teorici suffragati da success story, dove i visitatori possono coniugare la crescita professionale - attraverso seminari di formazione - a incontri con operatori del settore.
Email Power rappresenta il primo appuntamento dedicato ai professionisti della comunicazione e del marketing. Un'anticipazione di un evento che verra' realizzato il prossimo anno e approfondira' la comunicazione one-to-one in tutti i suoi aspetti.

Abbinato all'evento verra' realizzata la prima edizione dei XMas E-Mail Awards, un concorso aperto a privati, aziende e associazioni no-profit per premiare diverse tipologie di email natalizie, considerate sempre più uno strumento di promozione e marketing dell'azienda/associazione stessa.

Per informazioni e per ricevere un invito omaggio:

http://www.connecting-managers.com/index.jsp?doc=1092

domenica 27 novembre 2005

Un Natale di solidarietà grazie alla Fippa

GIOVEDI’ 1° DICEMBRE

DOLCE NATALE ITALIANO


Panificatori e pasticceri della Fippa protagonisti per riscoprire freschezza e qualità dei dolci della tradizione artigianale italiana. Il 30 novembre il presidente Jerian donerà mille panettoni a Benedetto XVI per i poveri di Roma

Vetrine dei negozi e scaffali dei supermercati abbondano, già da parecchie settimane prima del 25 dicembre, di prodotti industriali dai nomi e dalle forme fantasiosi che però non hanno nulla a che fare con la tradizione dolciaria. E i consumatori sono assediati da panettoni e pandori a prezzo contenuto ma senza una precisa garanzia di qualità.

I panificatori e i pasticceri italiani aderenti alla Fippa-Federazione Italiana Panificatori Pasticceri e Affini, giovedì 1 dicembre, animeranno una iniziativa in difesa della autentica produzione natalizia nazionale e, soprattutto, a garanzia della freschezza e della genuinità: “Dolce Natale Italiano”.

Su tutto il territorio nazionale, gli artigiani che esporranno in vetrina la locandina della manifestazione offriranno ai clienti “assaggi di bontà”: panettoni, pandori e le diverse specialità regionali, rigorosamente preparati nei loro forni. In un clima allegro, con i negozi addobbati, il “Dolce Natale Italiano” sarà l’occasione per una festa dal gusto ‘antico’ ma anche per dimostrazioni e chiarimenti sugli ingredienti e la lavorazione dei prodotti da forno, così da informare i consumatori sui ‘segreti’ utilizzati da fornai e pasticceri che costituiscono la base della loro professionalità e che fanno la differenza rispetto ai prodotti industriali.

Ai clienti, inoltre, saranno fornite alcune ricette base per creare, in casa, alcune delle preparazioni natalizie.
La Federazione Italiana Panificatori promuove questo appuntamento nazionale con l’intento di porre all’attenzione dei clienti e delle autorità competenti la assoluta necessità di una normativa che garantisca la riconoscibilità del prodotto fresco, realizzato cioè dallo stesso fornaio che lo vende, differenziandolo da quelli che vengono venduti in esercizi commerciali mediante il completamento di cottura o la cottura di impasti congelati o surgelati. In particolare per quello che riguarda i prodotti tradizionali natalizi, una recente normativa approvata stabilisce alcuni parametri ma in misura così ampia da non permettere la differenziazione tra prodotto artigianale e industriale.

La Fippa pertanto sta predisponendo delle specifiche proposte che mettano in luce l’assoluta assenza di conservanti, e la conseguente freschezza che contraddistingue il prodotto artigianale da quello industriale nonché parametri nell’utilizzo delle materie prime maggiormente restrittivi e tali da garantire una maggiore qualità dei dolci in questione.

Queste norme sono richieste non solo per tutelare un settore importante nel nostro panorama alimentare (circa 23 mila esercizi artigianali con 250 mila addetti, più 200 mila nell’indotto, e un fatturato complessivo di quasi sei miliardi di euro) e per rilanciare i prodotti tradizionali, ma per difendere il diritto del consumatore di conoscere il valore e il gusto del prodotto fresco e fragrante.

Il gusto è l’elemento che rafforza il legame tra il consumatore moderno, sempre più attento alla qualità, e l’artigiano, tanto più quando in gioco ci sono i prodotti della nostra tradizione” dichiara il presidente della Federazione, Edvino Jerian.

Ma la giornata del “Dolce Natale Italiano” vuole essere anche un momento di solidarietà: mercoledì 30 novembre, nella giornata antecedente a quella fissata per la manifestazione, il presidente Jerian donerà alla Casa delle suore di Madre Teresa di Calcutta di Roma mille panettoni per i poveri della capitale, consegnandoli nelle mani del Santo Padre, Benedetto XVI, che riceverà in udienza i fornai e i pasticceri.

Si ripeterà così il commovente incontro avvenuto lo scorso anno con Giovanni Paolo II.
Le iniziative della Fippa e delle sue associazioni hanno sempre avuto un risvolto benefico, con social partner come ANFAAS, Fondazione Exodus, Croce Rossa Internazionale, Emergency, UNICEF, Società di San Vincenzo, Lega del filo d’oro, Associazione per la lotta contro le fibrosi cistiche e Comunità di San Patrignano.

Appuntamento quindi a giovedì 1 dicembre: panificatori e pasticceri italiani vi aspettano per darvi un assaggio di vera bontà artigianale.

IED: a dicembre le selezioni per il Master in Graphic Design




IED MASTER IN GRAPHIC DESIGN: A DICEMBRE LE SELEZIONI


Selezioni graphic design. Al via le selezioni per la seconda edizione del Master in Graphic Design - Direzione e Progettazione Creativa, previste nei giorni 1, 6, 12, 13 dicembre 2005.


Parte a febbraio la seconda edizione del Master in Graphic Design – Direzione e Progettazione Creativa organizzato dall’Istituto Europeo di Design in collaborazione con l’agenzia Angelini Design e l’Art Directors Club Italia. Si tratta del primo progetto in Italia interamente dedicato alla specializzazione nell’area della progettazione grafica, rivolto a quanti siano interessati a valorizzare le proprie competenze attraverso un percorso ricco di stimoli e di interventi di noti professionisti e aziende di rilievo.
Il corso intende formare una nuova generazione di creativi visuali, capaci di seguire e anticipare i cambiamenti di un settore in costante evoluzione come quello del Graphic Design, avvalendosi di strumenti appropriati e di eccellenti competenze di gestione.

La selezione prevede un test di ammissione per accertare il possesso dei requisiti di ingresso e un colloquio motivazionale con valutazione del Curriculum Vitae e del portfolio lavori.
Le date utili per le sessioni di selezione sono il 1, 6, 12, 13 dicembre . Per prenotarsi, contattare l’Ufficio Master e Specializzazioni dell’Istituto Europeo di Design di Roma.


Ufficio Master e Specializzazioni
Istituto Europeo di Design di Roma
Via Branca, 122
001 Roma
Tel. 06-5717651
E-mail: master.com@roma.ied.it


Alessia Vagliviello
Responsabile Coordinamento Master e Specializzazioni

Indieta.it partecipa a 7 motivi dell'e-commerce

INDIETA.IT SHAPEWORKS PARTECIPA A
"7MOTIVI DELL'E-COMMERCE"

Dal 28/11/05 al 04/12/05 grande promozione su InDieta.it in occasione di “7Motivi dell’e-commerce” iniziativa di promozione dello shopping online organizzata da AICEL.



27/11/2005 - InDieta.it è uno shop online di un gruppo di Distributori Indipendenti Herbalife che sta riscuotendo notevole successo soprattutto nello shopping online con la vendita dei nuovi prodotti rivoluzionari ShapeWorks per il controllo del peso.

InDieta.it ha creato un “negozio virtuale” dove è possibile acquistare, con poche e semplici operazioni, tutti i prodotti Herbalife , ottenendo in maniera completamente gratuita una assistenza per tutta la durata dell’uso dei prodotti acquistati, tramite un l’assegnazione di un assistente personale, il quale tramite telefono, email oppure fax fornirà consigli per l’utilizzo ottimale dei prodotti. E’ inoltre possibile sempre on line, calcolare il proprio BMI (l’indice di massa corporea) per verificare il proprio stato di salute e capire se si è in soprappeso e quanti chili si deve perdere per raggiungere il proprio peso forma.

UNA PROMOZIONE SPECIALE solo dal 28/11/2005 al 04/12/2005

In occasione dell’iniziativa “I 7 motivi dell’e-commerce” InDieta.it ha studiato un’assortimento di prodotti particolare.Tale promozione, limitata alla settimana dal 28/11/2005 al 04/12/2005, vuole essere un incentivo ad acquistare un capo di lingerie presso un e-shop che dal 2001 soddisfa i desideri di oltre 1000 utenti ai quali offriamo:

- chiarezza nei dettagli dei prodotti Herbalife
- la sicurezza di acquistare in tutta sicurezza e affidabilità
- un servizio di Customer Care raggiungibile via telefono o via e-mail dal quale ottenere risposte sempre personalizzate e tempestive su ordini e i tempi di consegna, etc.

Questo in dettaglio la speciale Promozione InDieta.it “7Motivi”:
Assortimento ShapeWorks Advanced così composto:
- FORMULA 1 (integratore per pasto sostitutivo)
- FORMULA 2 (integratore di vitamine e sali minerali)
- FORMULA 3 (integratore di polvere proteica)
- MULTIFIBRE (integratore di fibre naturali)
- THERMOJETICS 100gr (polvere solubile a base di thè verde)
- BARRETTE PROTEICHE (snack proteico con poche calorie)

OMAGGIO

- 1 confezione di Barrette Proteiche
- Kit ShapeWorks InDieta Nuovo Cliente
Contente:
- una comoda e pratica valigetta
- uno shaker
- un cucchiaio dosatore
- porta compresse
- porta polvere grande per Formula 1
- porta polvere piccolo per Formula 3
- diaro ShapeWorks per annotare i progressi ottenuti
- rivista mensile clienti InDieta
- catalogo completo prodotti Herbalife ShapeWorks

Se sei propenso all’acquisto, ma vuoi maggiori chiarimenti, basta che compili il modulo di richiesta consulenza GRATUITA, che trovi all’interno del sito InDieta.it, e un assistente ti contatterà entro max 24 ore all’orario che desideri.
Ma…… quanto costa questo PACCHETTO InDieta 7 Motivi ?

Scoprilo CLICCANDO QUI !

Pierfrancesco Maria
InDieta sas

Il fiume Nera è straripato come non accadeva dal 1999

Una piena di dimensioni eccezionali, come non accadeva più dal 1999, ha interessato per tutta la giornata di ieri il fiume Nera e i suoi affluenti.

Le acque, con una velocità consistente, hanno allagato i terreni a fondovalle, causando danni alle colture agricole e, in alcuni casi, anche alle attività commerciali che sorgono lungo la Valnerina.
Le piogge cadute per tutta la notte e lo scioglimento delle abbondanti nevicate cadute nel fine settimana, hanno ingrossato dapprima il Corno, principale affluente del Nera, che ha riversato una straordinaria massa d’ acqua sull’alveo già ingrossato del fiume. La piena ha raggiunto l’apice, nella prima mattinata esondando a Cerreto di Spoleto, poi ha proseguito la sua corsa inondando tutti i terreni fino a Piedipaterno e Vallo di Nera, dove ha raggiunto il suo apice intorno a mezzogiorno, trascinando detriti e tronchi di legname. A Sant’Anatolia di Narco il Nera ha straripato causando danni ad una attività commerciale che ha visto allagarsi tutto il piano terra.
Stesse situazioni di piena sul fiume Campiano nel comune di Preci e lungo il torrente Tissino che scende da Poggiodomo fino a Borgo Cerreto.
Per tutta la giornata le squadre della Comunità Montana della Valnerina hanno tenuto sotto controllo il fiume, in collaborazione con i Vigili del Fuoco, i Carabinieri, il Corpo Forestale dello Stato, i Comuni, dopo l’attivazione, richiesta in mattinata dalla Comunità Montana, della Prefettura e del servizio di Protezione Civile della Regione dell’Umbria.
Sono stati necessari alcuni interventi di emergenza per sgomberare il fiume da alberi sradicati e caduti che avrebbero potuto ostruire il veloce deflusso delle acque e causare ulteriori danni.
Verso sera l’onda di piena ha diminuito la sua intensità ed il fiume, gradualmente, è rientrato nell’alveo quasi in tutta la lunghezza dell’asta, pur rimanendo ancora con una portata enorme.
Le piogge e le raffiche di vento hanno causato danneggiamenti anche nel territorio, colpendo strade e edifici privati. In alcuni casi ci sono stati crolli di tetti e smottamenti. Nei prossimi giorni si procederà a un censimento dei danni.

Il fiume Nera è straripato come non accadeva dal 1999

Africa: 15 Paesi firmano protocollo contro la violenza femminile


LE DONNE AFRICANE HANNO OTTENUTO UN PROTOCOLLO CONTRO LA VIOLENZA FEMMINILE

A fine 2005 sembra quasi un miracolo. Da oggi le donne africane hanno un "pezzo di carta" a loro difesa.

In un mondo dove i diritti umani sono sulla bocca di tutti, in Africa le donne combattono con una civiltà arretrata. In un mondo dove tutti i politici si riempiono la bocca di belle parole, ci sono paesi dove le donne sono ancora vittime non solo di discriminazione ma di violenze incivili.

Oggi hanno ottenuto un passo avanti, noi speriamo che non sia solo sulla carta.

È entrato in vigore il Protocollo sui diritti umani delle donne in Africa della Carta Africana per i Diritti Umani e dei Popoli, un evento ritenuto storico perché impegna i Paesi aderenti ad applicare sia la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne sia la cosiddetta ‘Piattaforma di azione di Pechino’ per la promozione e tutela dei diritti umani delle donne.

È dal 1994 che le associazioni femminili africane si sono battute per avere uno strumento di diritto internazionale che introducesse in maniera esplicita i diritti delle donne nella più ampia ‘Carta Africana’.

Il protocollo è entrato in vigore grazie alla ratifica del Togo, quindicesima nazione a sottoscrivere l’accordo insieme a Capo verde, Isole Comore, Djibouti,
Gambia, Lesotho, Libia, Malwi, Mali, Namibia, Nigeria, Ruanda, Senegal, Sud Africa e Benin.


Notizia integralmente ripresa da http://www.agenpress.it/

sabato 26 novembre 2005

L'insostenibile leggerezza dell'essere: il capitale intangibile dell'impresa


Auditorium del Meeting Point San Marco
via Scamozzi 1
(ingresso dalla Piazza Grande, accanto al Duomo)
Palmanova (Udine)
30 novembre 2005
ore 19.00
Dopo un appuntamento di grande successo a Gorizia, lo scorso 23 settembre, Connecting Managers torna in Friuli Venezia Giulia con un'altra iniziativa di sicuro interesse, il cui tema riguarderà l'importanza del capitale intangibile nelle imprese (ma anche, perché no?, nelle pubbliche amministrazioni).

In una realtà di competizione e di aggressione economica da parte dei Paesi emergenti qual è quella di adesso, è necessario riflettere su quanto ha detto il noto esperto di management, autore di numerosi artico-li sulla rivista americana Fortune, Thomas A. Stewart, nel suo libro “Il capitale intellettuale - la nuova salute delle Organizzazioni”:
“Al giorno d'oggi il valore più importante delle Imprese sta nello spazio tra le orecchie dei loro Collaboratori”

per far sì che l'“insostenibile leggerezza” diventi una concreta presa di coscienza che i capitali intangibili sono le radici del futuro successo della Tua Azienda.

Ed allora:
– Cosa sono e come si misurano i capitali intangibili di un'Impresa?
– Quali sfide si pongono alle Imprese di oggi per valorizzare questo formidabile capitale?
– Perché il sistema bancario europeo ha collocato la valutazione dei capitali intangibili nel sistema di rating aziendale Basilea 2?
– Perché un Network relazionale come Connecting Managers è un must per la crescita dei capitali intan-gibili?

Programma
Ore 19.00 Accredito Partecipanti

Ore 19.30 Saluto di Luigi Fusco, Presidente di Connecting – Managers

Ore 19.35 Saluto del moderatore della serata, sig. Riccardo Romanzin

Ore 19.40 Filmato

Ore 19.55 ing. Mauro De Bona, A.D. di Campus Consulting S.r.l.- La valutazione dei capitali in-tangibili, cosa sono e come si misurano.

Ore 20.15 dott. Andrea Ruffini, Titolare di Ideas in Progress – breve presentazione delle società sponsor dell'evento

Ore 20.25 sig. Andrea Beltrami, Presidente del CdA di FormTeam S.r.l. e referente di Connecting Managers per il F.V.G. - l'importanza delle relazioni per l'accrescimento del capitale in-tangibile: perché Connecting Managers.

Ore 20.30 Giovanni Tonti, marketing manager di Adriaweb.

Ore 20.40 Dibattito ed interventi del pubblico
moderatore: Riccardo Romanzin

Ore 21.00 Buffet finale con marketing relazionale one-to-one
La partecipazione è gratuita previa prenotazone, per informazioni http://www.connecting-managers.com/index.jsp?doc=134

venerdì 25 novembre 2005

CNR: come empatizzare con i bambini



Bambini: capirsi con empatia



Uno studio del Cnr di Milano e dell'Università di Milano-Bicocca fa luce su quello che accade nel cervello quando empatizziamo con i bambini. Sfatato un luogo comune: per comprendere maggiormente lo stato emotivo dei piccoli l'essere donna non basta, serve l'amore materno

Come ogni genitore sa, i bambini comunicano con il pianto e le espressioni facciali. Affinchè siano soddisfatti i loro bisogni occorre perciò che gli adulti empatizzino (l'empatia è la risposta automatica del cervello alla percezione dello stato fisiologico o psicologico di un'altra persona) con il loro disagio e rispondano in maniera adeguata alle loro necessità.

Ma gli adulti sono in grado di riconoscere lo stato emotivo dei bambini attraverso l'espressione facciale? La risposta è in uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Cnr di
Milano-Segrate e del Dipartimento di psicologia dell'Università� di Milano-Bicocca, coordinato da Alice Mado Proverbio e Alberto Zani e reso noto nel corso del meeting annuale della Society for Neuroscience.

"Abbiamo messo a confronto l'attività cerebrale di genitori con figli di 2 anni circa insieme a donne e uomini senza figli nè bambini piccoli nella parentela e senza nessuna familiarità coi bambini, mentre osservavano centinaia di foto in primo piano di neonati e bambini estranei (felici o sofferenti) di età fino a 18 mesi", spiega Alice Mado Proverbio. "Lo scopo era quello di stabilire l'effetto del sesso e dell'esperienza parentale nella reazione empatica del cervello alla vista di bimbi sofferenti".

Sono state testate 40 persone di status socio-culturale medio-alto di età di circa 35 anni. Per ciascun individuo è stata registrata l'attività bio-elettrica del cervello mediante la tecnica dei 'Potenziali correlati ad eventi' (ERPs), i quali forniscono informazioni sull'attivazione delle varie regioni del cervello millisecondo per millisecondo.

Gli ERP sono stati misurati mentre le persone osservavano le espressioni facciali dei piccoli, allo scopo di decidere se si trovassero in uno stato di benessere o sofferenza.

Le donne hanno mostrato inizialmente una risposta più ampia e più precoce degli uomini sulla regione delcervello che ricostruisce la struttura del volto (face visual area, corteccia visiva extra-striata). Tuttavia dopo circa 250 ms dalla presentazione del volto, i genitori di entrambi i sessi mostrano una risposta molto simile tra loro. In particolare mostrano una reazione empatica molto più forte in assoluto a facce sofferenti e diversificano meglio i vari gradi di intensità della sofferenza. Hanno un'attivazione maggiore per espressioni di paura intensa, dolore intenso, o grave soff=erenza, piuttosto che di semplice disagio o fastidio. Più blanda invece la reazione dei non-genitori in entrambe le situazioni.

A un livello di elaborazione cosciente (tra i 300 e i 500 ms dopo la presentazione del volto) per le espressioni di grave sofferenza vi è una risposta marcatamente differenziata per le madri rispetto a tutti gli altri gruppi, incluso i padri. Ciò suggerisce che le espressioni addolorate stimolano una reazione empatica più forte nelle madri e allo stesso tempo evitano un'attivazione emozionale eccessiva nei padri. "Questi risultati", conclude la ricercatrice, "suggeriscono che le differenze tra madri e padri nella risposta affettiva alla sofferenza infantile possono essere dovuti a ragioni di tipo biologico e sociale, dipendente dal fatto che nella nostra società le madri spendono molto più tempo coi piccoli dei padri".

E' importante considerare che non sono emerse significative differenze tra gruppi in risposta a facce felici. Ciò esclude che la familiarità coi bambini o l'essere genitori possano essere alla base di tali differenze. Lo studio apre poi la strada alla comprensione della depressione e dei disordini neurologici, caratterizzati da un deficit di empatia, quali autismo e schizofrenia.


Sono a disposizione per i giornalisti immagini relative alla ricerca. Roma, 25 novembre 2005

La scheda

Che cosa: "Studio sui meccanismi neuronali dell'empatia nell'essere umano

Chi: Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Cnr di Milano-Segr=ate e Dipartimento di psicologia dell'Università di Milano-Bicocca

Per informazioni: Alice Mado Proverbio tel. 02/64483755



Ufficio Stampa Cnr:
Vincenzo Casolino Tel. 064453337 e.casolino@ufficiostampa.cnr.it
Maria Teresa Dimitri,
tel. 06/49933443 - e mail mariateresa.dimitri@cnr.it

Mostra: Firenze-Bologna, sotto e sopra l’Appennino

ALTA VELOCITA’ IN MOSTRA A PALAZZO MEDICI RICCARDI
“Da Firenze a Bologna, sopra e sotto l’Appennino”

Conferenza stampa il 24 novembre alle 12 in Sala Rossa


Istallazione musicale e cura di Tempo Reale


Foto, filmati inediti, plastici e strumenti utilizzati per scavare gli oltre 73 chilometri di gallerie della linea Alta Velocità tra Firenze e Bologna saranno in mostra dal 26 novembre al Museo Mediceo di Palazzo Medici Riccardi, accompagnate da una istallazione musicale di Tempo Reale.

L’iniziativa, organizzata dalla Tav – società del Gruppo Ferrovie dello Stato per le linee Alta Velocità - in collaborazione con la Provincia di Firenze, sarà presentata alla stampa giovedì 24 novembre alle 12 nella Sala Rossa di Palazzo Medici Riccardi dal Presidente della Provincia Matteo Renzi, dall’assessore provinciale alla Cultura Maria Cassi e dal Responsabile della Tratta Bologna-Firenze della Tav Gianni Bechelli.

Il nome dato alla mostra è “Firenze Bologna: Sotto e Sopra l’Appennino”. L’organizzazione è dalla Tav – società del Gruppo Ferrovie dello Stato per le linee Alta Velocità - in collaborazione con la Provincia di Firenze.

Inaugurazione il 26 novembre alle ore 18 e apertura poi al pubblico, con ingresso gratuito, fino al 20 dicembre, con orario dalle 9 alle 19 (chiusura il mercoledì).
Nelle sale storiche del palazzo dei Medici sarà possibile vedere circa cento fotografie insieme a filmati inediti, plastici e macchinari.

Obiettivo dell’esposizione è offrire immagini di una grande opera e di chi la ha realizzata, spunti di riflessione, testimonianze e informazioni sulle opere di ingegneria, la qualità del lavoro, la sicurezza e la salute dei lavoratori, il rapporto con l’ambiente.

I lavori di scavo sono iniziati a Vaglia (Firenze) nel 1996 e sono terminati nell’ottobre di quest’anno. La linea sarà in funzione a partire dalla fine del 2008.

Assieme ai lavori di scavo sono stati realizzati oltre 120 chilometri di nuova viabilità, 70 chilometri tra reti acquedottistiche e fognarie, scuole e presidi sanitari per far fronte all’accresciuta domanda di servizi sul territorio connessa con l’arrivo dei lavoratori (oltre 3.500 nel momento di massimo impegno).

Dunque non solo immagini dal fronte di scavo, volti di lavoratori e macchine all’opera, il ‘sotto l’appennino’, ma anche il sopra con le opere frutto della concertazione con le istituzioni e le popolazioni interessate dai lavori.

Tra le curiosità, una riproduzione funzionante della fresa con cui è stata scavata la galleria di servizio di nove chilometri (parallela a quella di linea), plastici di galleria e un’inedita collaborazione con Tempo Reale che realizzato un'istallazione sonora per l'evento.

municipio Roma XVI: da lunedì 27 nov. '05 Trambus gratis per anziani e disabili

Da lunedì 27 novembre nel Municipio Roma XVI i Trambus
trasportano gratis anziani e disabili


Prenotazioni ai numeri ai numeri 06.46954698 o 06.46954623

Servizio di trasporto riservato. Da domani, lunedì 28 novembre, partirà un servizio di trasporto gratuito riservato ad anziani e disabili residenti nel Municipio Roma XVI.
Il servizio, realizzato dal Municipio in collaborazione con Trambus, avrà durata di un anno e consentirà ai beneficiari di muoversi dal proprio domicilio verso le strutture sanitarie del territorio e gli uffici pubblici.

Come già avviene nei Municipi III e IV, il servizio sarà gratuito e riservato ai cittadini che abbiano superato i 65 anni ed ai diversamente abili di qualsiasi età.
I biglietti, ognuno valido per una corsa, saranno in distribuzione nel Municipio presso lo sportello del Segretariato Sociale in via Falconieri 38 (nei giorni: martedì 9-12 e giovedì 9-12 e 14-17); i centri anziani (solo per gli iscritti); le parrocchie e la casa di riposo ebraica di via Portuense 216.

«L’obiettivo di questo servizio - spiega il presidente del Municipio, Fabio Bellini - è offrire maggiori opportunità a quelle fasce di popolazione che hanno difficoltà ad accedere ai servizi solitamente disponibili per i cittadini, ma che non rientrano nelle categorie già servite dalla tradizionale offerta dei Servizi sociali».

Orari e prenotazioni. Per usufruire dei servizi, i cittadini dovranno telefonare per la prenotazione alla Centrale Operativa Disabili Trambus almeno 24 ore prima l’effettiva necessità, ai numeri 0646954698 o 0646954623, o inoltrare la richiesta via fax allo 0646954457 dalle ore 8 alle 12 dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi.

I servizi di trasporto saranno effettuati dalle 7 alle 15, sempre dal lunedì al venerdì, festivi esclusi. I due veicoli di trasporto riservato sono dotati di pedane idrauliche per l’agevole accesso anche delle carrozzine. Inoltre, nel caso ci si avvalga di un accompagnatore, quest’ultimo usufruirà del medesimo biglietto di andata e ritorno dell’assistito.

Il servizio in III e IV Municipio. Trambus gestisce già da alcuni anni un servizio riservato ad anziani e disabili in III e IV Municipio.
In particolare, il servizio in III Municipio è stato attivato con due veicoli nel 2003.
Da maggio 2005, con l’aumento a 5 delle vetture Trambus a disposizione, è stata estesa la possibilità ai passeggeri di recarsi oltre il territorio del Municipio, all’interno del Grande Raccordo Anulare, al costo sociale di 2 euro.

I passeggeri sembrano gradire i nuovi servizi di trasporto dedicati, tanto che nell’ultimo anno (ottobre 2004-ottobre 2005) sono state effettuate un totale di 6.755 corse.

Per i residenti del IV Municipio, invece, il servizio è partito nel 2004 con un solo veicolo a disposizione da utilizzare all’interno del territorio. In questo primo anno di attività (ottobre 2004-ottobre 2005) sono stati effettuati 3.012 servizi di trasporto.

Pechino: una linea telefonica a tutti i cinesi entro 2020



PECHINO: obiettivo TLC
Una linea telefonica a tutti i cinesi entro 2020


Il Governo di Pechino ha deciso l’allacciamento di tutti i villaggi cinesi alla rete telefonica entro il 2010. L’obiettivo ultimo è garantire una linea telefonica ad ogni famiglia cinese, ovunque essa risieda, entro 15 anni. Il progetto è molto ambizioso: in Cina vi sono 5 Regioni autonome, 4 Municipalità e 22 Province con elevato livello di autonomia.

Nonostante la vertiginosa crescita del settore cinese delle telecomunicazioni (350 milioni di linee fisse e 430 milioni di cellulari), lo sbilanciamento tra periferie e centri urbani è rilevante: nelle zone rurali il tasso di penetrazione delle linee fisse è del 16% (16 linee ogni 100 abitanti) mentre nelle aree urbane si attesta intorno al 36%.

Il Digital Divide è un fenomeno che inizia a preoccupare il Governo cinese: la crescita economica ed il controllo delle tensioni sociali passano per il graduale aumento di benessere delle famiglie cinesi, che devono quindi essere oggetto di attenzione da parte del Governo cinese” commenta Ermanno Delia ( www.assolaw.com )

Sta prendendo il via la ricerca di fondi per gli ingenti investimenti infrastrutturali necessari al progetto nei prossimi 15 anni. Sono molte le aziende straniere (americane, tedesche, francesi, giapponesi) che si presentano ai Gruppi cinesi per la realizzazione di joint-venture cercando di conquistare una quota del piu' grande mercato delle telecomunicazioni del mondo.

Dr. Ermanno Delia
Board ASSOLaw®
Associated Firms for International Law®
China-Italy-India-Mexico-Argentina-Paraguay-Australia-Turkey-Romania
Serbia-Slovenia-Czech Rep.-Russia-Estonia-Belorus-Latvia-Lithuania
www.assolaw.com
Via Turazza 48
35128 Padova, Italy
m (I): +39 334 3219574
tel +39 049 8079406
fax +39 049 8079406
delia@assolaw.com
Skype address: ASSOLAWDE


Office in Shanghai
30FI./01 Summit Centre N° 1088 Yan An Xi Road
200052 Shanghai Popular Republic of China
fax: +86.21.62405204

Ven 25 Nov. serata al "Centrale"

Ti invitiamo ven. 25 dic. al Centrale Ristotheatre (via Celsa, p.zza del Gesù) ad una della serate organizzate da 'EVENTually' (eventi aziendali, serate a tema, PR, progetti di comunicazione) in questo bellissimo ex teatro del centro di Roma trasformato in ristorante e discoteca dall'atmosfera del tutto particolare.

La serata si svolgerà così: dalle 21.00 alle 23.00 offriamo, SOLO SU INVITO, a te a ad i tuoi amici un ricco buffet allestito nel Foyer del locale dove potrai sedere e chiacchierare con tranquillità, conoscere un pò di persone, rilassarti...Ci sarà un pò di musica lounge e di intrattenimento piano bar (se vuoi, puoi anche cantare!).

Alle 23.30 c.a, al termine del dinner-show, si balla nella Sala del Palcoscenico con la musica dal vivo dei bravissimi "Tienneti" e, poi, DJ con revival (e non solo) fino a tarda notte (drink: € 8,00-10,00).

Insomma, una serata ideale, per il venerdi sera, adatta ad un pubblico adulto e selezionato, alla fine di una faticosa settimana di lavoro! Puoi venire ed andare via presto, oppure trattenerti per la disco, cenare easy nel Foyer oppure comodamente seduto alla carta, assistendo allo spettacolo di musica, cabaret, comincità in tipico stile americano "Lost in musical" (€ 10,00 a persona + menù alla carta). In questo caso, però, affrettati a prenotare il tuo tavolo perchè i posti sono limitati.

In alternativa, puoi riservare un tavolo nel privè in galleria per tutta la serata (€ 25,00 a persona, inclusa una bottiglia per tavolo).

Ti aspettiamo! Ne vale la pena!
'EVENtually'

Per info, preno e lista di ingresso foyer: 349.2219645

Editoria per l'infanzia: "Ad ogni ora la sua poesiola, e se il tempo non vola due favole ancora"



Ad ogni ora la sua poesiola…
…e se il tempo non vola due favole ancora

Il libro raccoglie filastrocche e racconti destinati a bambini e genitori, con i quali i piccoli si divertiranno, imparando a riflettere, e i grandi si destreggeranno con ironia nei momenti di disaccordo, per cambiare, sorridendo.

Le filastrocche e i racconti nascono dalle riflessioni di una madre sulla ricchezza e sulla complessità delle interazioni familiari e sui cambiamenti che sopraggiungono all’arrivo di un bambino. L’interazione con un figlio impone al genitore la sperimentazione di nuove forme di comunicazione, utili anche a promuovere, con delicatezza, intesa e collaborazione.

Ecco allora l’esigenza di ricorrere a “parole belle e buone, colorate con le tonalità dell’arcobaleno”. Ecco allora l’importanza di relazioni nuove con i bambini, ispirate non alla prescrizione ma alla comprensione.

Le filastrocche ripropongono alcuni momenti “topici” della giornata dei bambini, che possono facilmente diventare occasione di conflitto con gli adulti: il risveglio e il rifiuto della scuola, il rientro a casa e la voglia di televisione, le proteste a cena e la resistenza al sonno. In ogni filastrocca, l’intreccio di volontà viene sbrogliato dai piccini che, dopo la trasgressione e guidati con delicata determinazione dai grandi, comprendono e fanno propria quella che all’inizio sembrava solo una regola odiosa.

I racconti spostano l’attenzione sugli adulti e, in particolare, sulla loro crescente incapacità di lasciarsi andare al dialogo e di godere dei frutti regalati dallo scorrere del tempo. Con tono leggero si porge l’invito a non trasmettere questi comportamenti ai piccini. A volte anche i grandi devono imparare, seguendo il filo di una irrinunciabile e benefica ironia.


Nadia Linciano è nata a Trepuzzi (Lecce) nel 1967. Laureatasi in Economia e Commercio, ha conseguito diversi titoli di specializzazione, tra i quali il PhD in Economics presso l’Università di York. Dal 1998 vive a Roma, dove opera come economista. Ha pubblicato saggi specialistici su riviste italiane e internazionali. Nel 2002 le è stato conferito il Premio Capalbio per il Diritto dell’economia. Dal 2004, attratta dal mondo e dalla letteratura per l’infanzia, si dedica anche alla cura di progetti ludico-educativi destinati soprattutto all’Associazione Il Puzzle.

Manni Editori
46 pagine
€ 6,00

Per conttattare l'autrice: nadia.linciano@libero.it

Ora la politica si fa sul web


Ora la politica si fa sul web

Nel panorama mutevole del web irrompono i blog o “diari on line”, la loro strepitosa diffusione negli ultimi tempi, ha elevato questo fenomeno ad un avvenimento di carattere sociale, balzando agli onori delle cronache delle maggiori testate italiane.

Ora i blog scoprono la politica, anzi è la politica a scoprire i blog come strumenti per ideali per incontrare la cittadinanza attiva in rete, diffondere le proprie opinioni, organizzare e sensibilizzare l'opinione pubblica su particolari temi, raccogliere idee valide dalle risposte dei propri utenti.

Il segreto di tanto successo? Facilità d’accesso, economicità, soprattutto interattività, per questo i blog sembrano perfetti per aiutare un candidato politico a costruire la propria identità politica.

Chi ha detto che gl'italiani non seguono più la politica? Sono soltanto cambiate le forme d’aggregazione e di fruizione della stessa.
Sono, infatti, sempre più le persone scelgono Internet come “piazza” ideale per le loro discussioni politiche preferendolo di gran lunga ai media tradizionali.
Una conferma viene dal rapporto annuale di Digital-Pr sulle comunità Internet in Italia, dove la politica risulta uno degli argomenti più dibattuti dagli internauti, con più di 2 milioni di messaggi nei newsgroup, oltre un milione solo nel forum di politicaonline.net e naturalmente nei blog.
Il perchè gl’italiani scelgono sempre più questo mezzo per informarsi sui fatti della politica, è semplice: favorendo l’interazione, Internet stimola il dialogo, la partecipazione attiva del cittadino sui temi caldi dell’agenda politica, non solo, l’interscambio continuo dei cittadini in rete può fare emergere nuove questioni destinate presto ad entrare nell’agenda politica se non alla ribalta delle cronache delle testate nazionali.
Per tutte queste ragioni, prestare ascolto e intervenire in maniera attiva sui temi proposti di volta in volta dagli utenti in rete diviene un’attività determinante per qualsiasi candidato politico.
Un blog permette di aumentare concretamente la propria riconoscibilità e la fiducia verso di se da parte degli elettori più influenti ed ascoltati nel panorama nazionale.

Alcuni politici ne hanno già fiutato le potenzialità per questo ne hanno già uno. Alcuni casi di successo sono legati a nomi noti della politica italiana come Antonio Bassolino, Sergio Cofferati, Alfonso Pecoraro Scanio, ma anche Renato Soru e Beppe Caravita, da blogger è diventato politico.

News a Cura di Digital PR : http://www.digital-pr.it/s_blog_politici.asp

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email