Cerca nel blog

giovedì 2 febbraio 2017

The Document Foundation annuncia LibreOffice 5.3, ricco di nuove funzionalità, e pronto per l'installazione in cloud


The Document Foundation annuncia LibreOffice 5.3, ricco di nuove funzionalità, e pronto per l'installazione in cloud

Berlino, 2 febbraio 2017 - The Document Foundation annuncia LibreOffice 5.3, una delle release più ricche di nuove funzionalità nella storia dell'applicazione. La suite per ufficio è immediatamente disponibile per Windows, macOS e Linux, ed è pronta per l'installazione in cloud.

LibreOffice 5.3 rappresenta un passo in avanti significativo nell'evoluzione del software: offre un'introduzione a nuove funzionalità come la versione online con editing collaborativo, che migliorano il posizionamento competitivo dell'applicazione, e allo stesso tempo fornisce una lunga serie di miglioramenti incrementali che rendono il programma più stabile, interoperabile e user friendly.

"LibreOffice è sostenuto da una fantastica comunità di sviluppatori", afferma Michael Meeks, membro del board di The Document Foundation. "Nel 2010, erano in pochi a scommettere sulla nostra capacità di attrarre il numero di sviluppatori sufficiente a garantire il successo del progetto, che è basato su un codice sorgente di grandi dimensioni. In sei anni, abbiamo attratto più di 1.100 nuovi sviluppatori e, grazie alle dimensioni di questa comunità, negli ultimi due anni abbiamo avuto una media di circa 300 persone attive sul codice sorgente".

Le caratteristiche salienti di LibreOffice 5.3

LibreOffice 5.3 offre un gran numero di nuove funzionalità interessanti in ogni area: un nuovo motore multipiattaforma di visualizzazione del testo che utilizza HarfBuzz per migliorare la coerenza dei documenti tra diversi sistemi operativi, lingue e alfabeti; un menù Help rivisitato, con link alle guide e ai forum di supporto, per una migliore esperienza utente; e dei miglioramenti ai filtri di importazione/esportazione verso i formati nuovi e legacy dei documenti MS Office.

Writer introduce gli Stili di Tabella, per impostare l'aspetto in modo tale che esso venga mantenuto anche nel caso di modifiche; la Barra Laterale aggiunge la scheda Pagina, per configurare i parametri senza la necessità di accedere a una finestra di dialogo separata; e la finestra Vai a Pagina permette di spostarsi all'interno dei documenti di grandi dimensioni con rapidità.

Calc fornisce un nuovo set di stili di cella, con una maggiore varietà e dei nomi più intuitivi rispetto al passato; nelle nuove installazioni, i caratteri jolly nelle formule diventano l'opzione di default invece delle espressioni regolari, per migliorare la compatibilità con gli altri spreadsheet; e l'area per la digitazione del testo permette di ridurre il numero delle funzioni che vengono ricercate, per trovare più velocemente quella corretta.

Impress, all'apertura, mostra la finestra di dialogo per la selezione dei modelli, per un avvio più rapido; e in modalità modifica del modello della diapositiva visualizza nella Barra Laterale la scheda Proprietà della Slide, che evita di ricorrere al menù.

La lista delle nuove funzionalità più significative è disponibile in un documento separato (http://tdf.io/lo53features), e viene presentata in una serie di brevi video (http://tdf.io/53vids).

LibreOffice 5.3 è stato migliorato anche a livello di "motore", grazie al lavoro di centinaia di volontari. Questo si traduce in una suite per ufficio open source che è più facile da sviluppare, manutenere e migliorare. E se tutto questo non è visibile agli utenti, è molto importante per l'utilizzo in ambito aziendale.

LibreOffice viene utilizzato da grandi organizzazioni in ogni continente. La lista delle migrazioni più significative annunciate sulla stampa si trova sul wiki: https://wiki.documentfoundation.org/LibreOffice_Migrations.

LibreOffice Online

LibreOffice 5.3 integra la prima release del codice sorgente di LibreOffice Online, una suite per il cloud che fornisce funzioni di editing collaborativo di base grazie all'uso dello stesso motore di LibreOffice. La visualizzazione dei documenti è di qualità eccellente, così come l'interoperabilità, che è la stessa di LibreOffice.

LibreOffice Online è un servizio a livello server, e deve essere installato e configurato con l'aggiunta di uno storage cloud e un certificato SSL, che non sono inclusi nella soluzione. Per questo, può essere considerata come una tecnologia abilitante per il cloud pubblico degli ISPs o il cloud privato delle organizzazioni di grandi dimensioni.

L'ultima versione del codice sorgente di LibreOffice Online è disponibile come immagine Docker: https://hub.docker.com/r/libreoffice/online/.

Un background sul posizionamento di LibreOffice Online è disponibile a questo indirizzo: http://tdf.io/loonlineback.

Funzionalità sperimentali dell'interfaccia utente

A partire dalla famiglia 5.3, l'interfaccia utente di LibreOffice è stata estesa con l'aggiunta di una Notebookbar sperimentale, che offre un'altra opzione in aggiunta a quella di Default (con due Barre degli Strumenti), alla singola Barra degli Strumenti e alla Barra Laterale. Ciascuna opzione è pensata per rispondere alle esigenze di un diverso cluster di utenti.

L'interfaccia utente di LibreOffice si chiama MUFFIN, acronimo per My User Friendly & Flexible INterface. Un background che spiega il concetto nei dettagli è disponibile a questo indirizzo: http://tdf.io/muffinback.

Disponibilità e utilizzo in ambito aziendale

LibreOffice 5.3 rappresenta il meglio in termini di funzionalità per le suite per ufficio open source, ed è indirizzato agli utenti più attenti alle novità tecnologiche, agli early adopter e ai power user.

Per l'utilizzo in ambito aziendale, TDF fornisce la versione 5.2.5 - più matura - che dovrebbe essere supportata dalla presenza di professionisti certificati in base alle buone pratiche di sviluppo, migrazione e training (http://www.libreoffice.org/get-help/professional-support/).

LibreOffice 5.3 è immediatamente disponibile da questo link: http://www.libreoffice.org/download/. Gli utenti LibreOffice, i sostenitori del software libero e tutti i membri della comunità possono sostenere The Document Foundation con una donazione utilizzando il modulo presente all'indirizzo http://donate.libreoffice.org.

Cartella Stampa e Schermate

La cartella stampa, con la presentazione, i background e le immagini ad alta risoluzione, si può scaricare da questo link: http://tdf.io/lo53presskit, e le sole schermate da quest'altro link: http://tdf.io/lo53screenshots.





--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email